Home / Cittadini / Servizi / La Sperimentazione

La Sperimentazione

In accordo con le Regioni e con l'obiettivo di verificarne le modalità gestionali e di valutarne l'efficacia, l'assegno di ricollocazione parte con una prima fase di sperimentazione su un campione di circa 29 mila destinatari estratti in maniera casuale dallo stock di potenziali destinatari comunicati dall'Inps.

Le persone che rientrano nel campione riceveranno una comunicazione a mezzo posta, nonché un avviso via email o sms, nel caso in cui tali informazioni siano state rese in sede di presentazione della domanda di Naspi. Potranno richiedere l'Assegno - entro il periodo di fruizione della NASpI - con le seguenti modalità:

  • rivolgendosi ai centri per l'impiego dove hanno sottoscritto il patto di servizio personalizzato;
  • registrandosi al sito - ottenendo le credenziali di accesso per l'area riservata - e seguendo l'apposita procedura.

I potenziali destinatari avranno inoltre la possibilità di verificare – anche attraverso l'inserimento del proprio codice fiscale nell'apposita pagina del sito Anpal se il loro nominativo risulti tra i soggetti estratti.

Attraverso il Sistema informativo unitario, i destinatari scelgono la sede operativa del soggetto erogatore presso il quale intendono ricevere il "servizio di assistenza alla ricollocazione".

In un primo momento la sperimentazione prevede il rilascio di almeno 10 mila assegni di ricollocazione, i centri per l'impiego coinvolti in qualità di soggetti erogatori sono selezionati dalle amministrazioni regionali in modo da garantire un'adeguata copertura territoriale. I soggetti accreditati a livello nazionale e regionale devono - attraverso la partecipazione di interesse dell'Anpal - indicare gli sportelli operativi in ciascun territorio presso i quali saranno erogati i servizi.