Home / In evidenza / Autoimpiego / SELFIEmployment

SELFIEmployment

Selfiemployment ha l'obiettivo di favorire lo sviluppo di idee di business da parte dei giovani.

Promosso da Anpal e gestito da Invitalia, il Fondo SELFIEmployment finanzia con prestiti a tasso zero l'avvio d'iniziative imprenditoriali di giovani Neet.

Lo strumento è un Fondo rotativo nazionale che nasce nell'ambito di Garanzia Giovani ed è quindi inserito nella programmazione Fse 2014-2020.

Per chi ha già un business plan,  SELFIEmployment sostiene piani di investimento compresi tra i 5.000 e i 50.000 euro.

I prestiti erogabili sono:

  • microcredito, da 5.000 a 25.000 euro
  • microcredito esteso, da 25.001 a 35.000 euro
  • piccoli prestiti, da 35.001 a 50.000 euro

Su questi prestiti non sono applicati interessi e non è richiesta alcuna forma di garanzia. Possono essere rimborsati nei successivi 7 anni, con rate mensili posticipate.

Chi invece non ha ancora redatto un business plan può partecipare al Progetto Crescere Imprenditori, il percorso di formazione e accompagnamento all'avvio di impresa promosso da Anpal e attuato da Unioncamere nell'ambito di Garanzia Giovani.

Tutte le informazioni sul Fondo SELFIEmployment sono disponibile anche presso i 60 sportelli dell'Ente Nazionale per il Microcredito, che supportano i giovani nella presentazione della richiesta di finanziamento e della relativa documentazione da allegare, a Invitalia.


A chi è rivolto

SELFIEmployment è rivolto ai Neet, giovani tra 18 e 29 anni che non studiano, non lavorano e non frequentano corsi di formazione professionale, iscritte a Garanzia Giovani.

Destinatarie principali dell'iniziativa sono tutte le persone che sentono una forte attitudine al lavoro autonomo e all'imprenditorialità e che hanno voglia di mettersi in gioco.


Come partecipare

Per partecipare a SELFIEmployment, i giovani Neet devono prima aderire a Garanzia Giovani.

Chi poi ha già un business plan e non ha un'altra misura di politica attiva in corso può presentare direttamente la domanda di accesso al Fondo, anche senza aver frequentato uno dei percorsi di accompagnamento e di supporto all'autoimpiego.

Chi invece non ha ancora un business plan,  può iniziare il percorso Crescere Imprenditori di Unioncamere dopo aver verificato le proprie attitudini imprenditoriali effettuando un test di autovalutazione. Oppure può rivolgersi al servizio per l'impiego più vicino per verificare i percorsi di accompagnamento all'autoimpiego attivati dalla propria Regione. Completato il percorso di formazione e accompagnamento sono previsti 9 punti di premialità sul punteggio complessivo, in fase di presentazione di domanda di finanziamento al Fondo SELFIEmployment.

Vai al sito di Selfiemployment