Home / Notizie / Online la Nota congiunta sulle tendenze dell'occupazione III trimestre 2018

Online la Nota congiunta sulle tendenze dell'occupazione III trimestre 2018

18 dicembre 2018

È stata pubblicata oggi sui siti di Anpal, Istat, Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Inps e Inail la Nota trimestrale congiunta sulle tendenze occupazionali, relativa al terzo trimestre 2018, 

La Nota - disponibile nella sezione Dati e Pubblicazioni - presenta i dati relativi ai flussi di attivazioni, cessazioni e trasformazioni per settore di attività economica e tipologia di contratto, gli stock delle posizioni lavorative dipendenti nelle imprese industriali e dei servizi di fonte Istat, provenienti dalla rilevazione su Occupazione, retribuzioni, oneri sociali (Oros).

Nel terzo trimestre 2018 si registra una lieve diminuzione dell'occupazione rispetto al trimestre precedente; gli effetti di trascinamento consentono comunque di registrare ancora una crescita a livello tendenziale, seppur rallentata rispetto al recente passato.

Nel contesto d'insieme, prosegue invece la crescita del lavoro dipendente in termini sia di occupati sia di posizioni lavorative nei settori dell'industria e dei servizi.

Secondo i dati delle CO, su base annua, l'aumento del lavoro dipendente a tempo determinato continua per il decimo trimestre consecutivo (+256 mila), mentre si registra la crescita del tempo indeterminato (+118 mila posizioni). 

Prosegue inoltre l'aumento tendenziale del numero dei lavoratori a chiamata o intermittenti e quello dei lavoratori in somministrazione. In particolare, il numero dei lavoratori impiegati con il Contratto di prestazione occasionale e quelli pagati con i titoli del Libretto Famiglia, le due nuove forme contrattuali di lavoro occasionale introdotte operativamente da luglio 2017 in sostituzione del lavoro accessorio (voucher), hanno raggiunto rispettivamente le 20mila unità e le 7mila unità nel trimestre 2018.

Gli infortuni sul lavoro con esito mortale nel terzo trimestre 2018, sono stati 277, mentre le malattie professionali denunciate all'Inail sono state quasi 12mila, 35 casi in meno rispetto al trimestre analogo dell'anno 2017.