Seguici su:
angle-left null Yes I Start Up 2019, il corso di formazione che realizza i sogni dei giovani e crea impresa
Yes I Start Up 2019, il corso di formazione che realizza i sogni dei giovani e crea impresa
Giovani e Startup 15 maggio 2019
Immagine notizia

“Il mio desiderio più grande era di aprire un negozio tutto per me”: chi parla è Simona Marchetti, una ragazza che dopo tanti anni di esperienza nel settore è finalmente riuscita ad aprire il suo centro estetico a Roma grazie ai corsi di Yes I Start Up, il progetto di formazione per l’avvio di impresa curato dall’Ente Nazionale per il Microcredito.

Qui tutte le info e le indicazioni per iscriversi.

Yes I Start Up ha lo scopo di formare i giovani all’autoimpiego, proponendo dei corsi formativi gratuiti mirati a trasmettere le competenze necessarie a realizzare la propria idea imprenditoriale. I percorsi formativi sono rivolti ai NEET, giovani tra i 18 e i 29 anni che non lavorano e non studiano, né si stanno formando professionalmente.

 

Yes I Start Up: un modello di successo

“Il progetto Yes I Start Up è uno dei nostri fiori all’occhiello” ha affermato Rosanna Ricciardi, la responsabile dell’attuazione del PON IOG (programma operativo nazionale Iniziativa Occupazione Giovani). “Il punto di forza del progetto è sicuramente il modello gestionale basato su una rete partenariale pubblico privata”, ha continuato Ricciardi, fornendo alcuni dati sui risultati finora raggiunti. “Sono circa 800 le aule a disposizione sull’intero territorio nazionale; 800 i Neet coinvolti dagli stessi soggetti attuatori capillarmente presenti sul territorio e oltre 700 i Neet che hanno portato a compimento con successo il corso di formazione”.

 

Yes I Start Up: in Calabria è un progetto regionale

Il modello realizzato dall’Ente Nazionale per il microcredito è un modello trasferibile, tanto che in Calabria è stato replicato, diventando un progetto regionale. Angela Robbe, assessore al lavoro e al welfare della regione Calabria, ha parlato di come i percorsi stiano producendo ottimi risultati. “Piano piano i ragazzi costruiscono la fiducia in se stessi e l’autostima, questo elemento è il vero punto di forza del progetto”.

Anche dalle altre regioni i feedback positivi non tardano ad arrivare. “La reputo una misura intelligente, supporta i giovani nella realizzazione del proprio sogno con un accompagnamento reale ed una formazione ad hoc” – ha detto Sonia Palmeri, assessore al lavoro della regione Campania. Parole condivise anche dall’assessore alle politiche del lavoro del comune di Bari, Paola Romano. “È importante aiutare le persone non solo a cercare lavoro, ma anche a crearlo”.

 

Yes I Start Up: i sogni dei ragazzi diventano realtà

Il progetto è stato valutato a pieni voti anche dai docenti coinvolti. “Nelle aule la soglia di interesse è molto alta, perché alta è la motivazione, il desiderio di crearsi un futuro”, ha raccontato Maria Francesca Liparota, docente in Calabria.

Alessandra con la vendita di abiti rigenerati, Rocco con i suoi tappeti, Marco e Giuseppe con un negozio di surgelati di ogni tipo, Davide con una boutique di indumenti intimi e Simona con il suo beauty center che usa solo prodotti italiani: sono solo alcuni dei progetti portati a termine da giovani che sono passati dall’essere NEET a riconoscersi come piccoli imprenditori.

 “Possiamo dirci soddisfatti ma non ci accontentiamo, puntiamo ad aumentare il volume delle domande e a veder migliorata la qualità delle proposte, per raggiungere un tasso di ammissione del 50 %”, ha affermato Daniela Patuzzi, la responsabile dell’attuazione di SELFIEmployment, il fondo che finanzia la creazione e l’avvio di attività imprenditoriali attraverso piccoli finanziamenti a tasso zero, e al quale si può accedere presentando il proprio business plan.

Qui tutte le info e come fare a richiedere un finanziamento con SELFIEmployment

Il video:

 

 

Nodo: liferay-1-2:8080