Seguici su:
null Online il Rapporto biennale sull'attività del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione
Online il Rapporto biennale sull'attività del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione
24 settembre 2019
Immagine notizia

Pubblicata dalla Commissione europea la Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio sulle attività del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione nel 2017 e nel 2018 e il relativo allegato COM(2019) 415 final che fornisce una panoramica su quanto realizzato globalmente a livello di Unione europea con l’utilizzo del fondo.

Il Feg, istituito nel 2007, è uno strumento attraverso il quale l'Unione europea mette a disposizione degli Stati membri fino a 150 milioni di euro all'anno per fornire un aiuto mirato e limitato nel tempo a lavoratrici e lavoratori in esubero e a lavoratrici e lavoratori autonomi che abbiano cessato l'attività per la globalizzazione, per il persistere della crisi o per una nuova crisi con impatti rilevanti sull'economia locale, regionale o nazionale.

Tre i punti principali evidenziati dal Rapporto sulle attività e i risultati del Feg negli anni 2017 e 2018:

- 13 le domande, presentate da 10 Stati membri, per 41 milioni di euro, destinati a 12.896 lavoratori e 1.155 giovani che non lavorano e non partecipano ad alcun ciclo di istruzione o formazione. Il maggior numero di lavoratori apparteneva al settore dei macchinari/delle apparecchiature, seguito da quelli del commercio al dettaglio e del trasporto aereo.

- 15 le decisioni1 di mobilitazione dei finanziamenti del Feg adottate dal Parlamento europeo e dal Consiglio, per un importo totale di 45,5 milioni di euro a sostegno di 14.517 beneficiari

- 23 i casi di intervento Feg adottati tra il 2014 e il 2016, di cui hanno riferito gli Stati membri. I risultati registrano un aumento rispetto al periodo 2015-2016 e mostrano che il 60 % dei lavoratori che hanno partecipato alle misure hanno trovato un nuovo lavoro entro la fine del periodo di attuazione. Nel periodo 2015-2016, soltanto il 47 % dei lavoratori assistiti aveva trovato un nuovo lavoro. Sono stati riscontrati tassi di reinserimento particolarmente elevati nei seguenti casi: Volvo Trucks (Svezia) 84 %, Broadcom (Finlandia) 84 %, Aleo Solar (Germania) 81 %, e PWA International (Irlanda) 79 %.

 

Per accedere ai documenti clicca qui

Nodo: liferaydxp-1-1:8080