Aggregatore Risorse

null I rapporti di lavoro a tempo indeterminato trainano la crescita occupazionale ma il mezzogiorno arranca

Dati e pubblicazioni — 25.11.22

I rapporti di lavoro a tempo indeterminato trainano la crescita occupazionale ma il mezzogiorno arranca

Pubblicata la nota congiunta di novembre "Il mercato del lavoro: dati e analisi" a cura del Ministero del lavoro, Banca d'Italia e Anpal

I dipendenti nel settore privato, non agricolo, sono aumentati di quasi 350.000 unità nel periodo gennaio/ottobre 2022. Seppure la crescita dell'occupazione sia più debole rispetto al primo semestre  di quest'anno, il trend è lo stesso della fase precedente alla pandemia sanitaria, tant'è che nel bimestre settembre-ottobre sono stati creati 48.000 posti di lavoro a fronte dei circa 42.000 del 2019.

Il turismo resta il settore più colpito dalla frenata dello scorso luglio. Nei primi dieci mesi del 2022 sono stati creati circa 70.000 posti di lavoro, lo stesso numero raggiunto nel 2019.
Gli altri servizi hanno avuto andamenti diversificati, con una flessione nelle attività di trasporti e magazzinaggio, che potrebbero avere risentito anche dell'aumento dei prezzi dell'energia.

Nell'industria la dinamica dell'occupazione è proseguita a ritmi moderati rispetto ai mesi precedenti. Nel comparto delle costruzioni il numero delle attivazioni nette è stato inferiore a quello registrato nella fase di rapida crescita del 2021 e della prima metà del 2022.

La crescita occupazionale continua ad essere alimentata dai rapporti di lavoro a tempo indeterminato, con picchi storicamente alti nei mesi di settembre e di ottobre, con oltre il 90 per cento delle attivazioni per le posizioni stabili. È invece proseguito il calo dell'apprendistato e delle posizioni a termine in atto da giugno, su cui pesa il rallentamento della dinamica dell'occupazione nel terziario, settore in cui si ricorre maggiormente a queste tipologie contrattuali.

Il rallentamento del mercato del lavoro nella seconda metà dell'anno si è riverberato anche sulla dinamica della disoccupazione amministrativa. Nei mesi di agosto e di settembre il numero di disoccupati è salito, effetto tipico di fine estate, quando le assunzioni si riducono e molti contratti di natura stagionale scadono.

Complessivamente, da gennaio a settembre di quest'anno, il numero di disoccupati è comunque diminuito di circa 237.000 unità, una contrazione considerevole anche se meno pronunciata rispetto a quella registrata nel 2021, in una fase di forte ripresa dopo la flessione dovuta all'emergenza sanitaria.

Leggi la nota 

Condividi

Notizie correlate per categoria

Dati e pubblicazioni — 27.01.23

Creati 412mila posti di lavoro a tempo indeterminato nel 2022

Pubblicata la nota congiunta di gennaio sul mercato del lavoro, a cura di Ministero del lavoro, Banca d’Italia e Anpal

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 25.01.23

Garanzia Giovani, online i dati aggiornati del programma

Pubblicata la nota mensile Anpal n. 11 del 2022: resta costante l’andamento delle misure

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 20.01.23

Online il settimo numero della newsletter di Gol

Nuova uscita del periodico di informazione

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 20.01.23

Programma Gol: 709mila beneficiari presi in carico al 31 dicembre 2022

È online la quinta nota di monitoraggio Anpal. Più che raddoppiato il target 2022

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 10.01.23

Online il nuovo numero di Cohesion Magazine su lavoro e capitale umano

All’interno uno speciale dedicato alle politiche attive curato interamente da Anpal

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 03.01.23

Bollettino Excelsior, la domanda di lavoro prevista a gennaio è sopra i livelli pre-Covid

Online il bollettino Excelsior con le previsioni sulle assunzioni per gennaio 2023

Leggi di più →