Aggregatore Risorse

null I Fondi paritetici interprofessionali ai tempi del Covid

Dati e pubblicazioni — 15.11.21

I Fondi paritetici interprofessionali ai tempi del Covid

Pubblicata la ricognizione di Anpal che conferma il ruolo di snodo dei Fondi nel modernizzare le imprese italiane

I Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua possono avere un ruolo chiave nel rafforzare il processo di ammodernamento delle imprese italiane. Dalle interviste fatte a tutti i 19 fondi operativi è emerso che l’attività formativa, pur se con riduzioni e rallentamenti, non si è fermata durante la pandemia. I Fondi, partendo da una propria ristrutturazione organizzativa interna, hanno cercato infatti di risolvere le problematiche poste dalle agenzie formative e dalle imprese che avevano programmato la formazione in presenza. 

È quanto si legge nel Focus I Fondi paritetici interprofessionali ai tempi del Covid, che deriva dalle azioni di controllo sulle attività dei Fondi paritetici interprofessionali svolte da Anpal proprio con la consapevolezza che tali organismi sono uno degli snodi per modernizzare e innovare le imprese del paese. La stessa Anpal, con un quadro normativo in costante evoluzione durante la pandemia, ha cercato di offrire una cornice di regolamentazione allo stesso tempo essenziale e di immediata applicabilità. Le agenzie di formazione e le imprese hanno saputo riprogrammare le attività di formazione, laddove compatibili con le tematiche, le logistiche a distanza e soprattutto le tecnologie.

Lo stravolgimento causato dalla pandemia, con l’attuazione della formazione a distanza, ha accentuato i processi di innovazione non solo nelle modalità di erogazione, ma anche in termini di contenuti, organizzazione e capacità di allargare la fruizione. Dalle interviste è emersa anche la necessità di superare la fase emergenziale per un ritorno alla normalità anche per la formazione, ma questa nuova modalità di apprendimento difficilmente rappresenterà una modalità residuale, come in passato.

Disomogenea appare la programmazione per competenze: infatti dal 2018 sono pochi i Fondi che hanno avviato il processo di revisione e sperimentazione della formazione basata sulle competenze. Si tratta di un tema da prendere in considerazione anche per un futuro coinvolgimento dei Fondi nella proposta del nuovo piano di Garanzia di occupabilità dei lavoratori (Gol).

Leggi il Focus 

Condividi

Notizie Correlate per categoria

Dati e pubblicazioni — 25.01.22

Garanzia Giovani, oltre 1 milione e 727 mila i giovani Neet registrati al programma

Online la nota mensile aggiornata al 30 novembre 2021

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 17.01.22

Il mercato del lavoro: dati e analisi. Online la nuova nota di gennaio 2022

A partire da questo numero la nota congiunta di Ministero del lavoro e delle politiche sociali e Banca d'Italia si avvale anche della collaborazione di Anpal

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 04.01.22

Bollettino Excelsior: le imprese prevedono 458mila entrate a gennaio

Previsti 104mila contratti in più rispetto a dicembre

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 20.12.21

Nota trimestrale sull'occupazione: cresce il lavoro nell’ultimo trimestre e su base annua

Pubblicata la nota trimestrale sulle tendenze dell’occupazione relativa al III trimestre 2021, realizzata da Ministero del lavoro, Anpal, Istat, Inps e Inail

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 20.12.21

Reddito di cittadinanza. oggi alle 12,30 conferenza stampa di presentazione della nota Anpal “La condizione occupazionale dei beneficiari del reddito di cittadinanza”

L’incontro del Commissario Tangorra con i giornalisti presso la sede di Anpal Servizi e in modalità virtuale

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 20.12.21

Reddito di cittadinanza, online la nota sulla condizione occupazionale dei beneficiari

Al 30 settembre 2021 sono oltre un milione e mezzo i rapporti di lavoro attivati, di cui 1,2 milioni sono nuovi rapporti di lavoro 

Leggi di più →