Asset Publisher

Europa — 05.04.22

Crisi aziendale in Francia, progetto europeo per 300 lavoratori Airbus

Chiesto il sostegno del fondo europeo Feg per i lavoratori in esubero del settore dell'aviazione commerciale

La Airbus, tra i principali costruttori di aeromobili commerciali, versa in gravi difficoltà a seguito del crollo generalizzato dell'aviazione commerciale dovuto alla pandemia. La produzione di aeromobili commerciali, che generava il 67% del fatturato complessivo dell’azienda, ha subito un drastico calo e di conseguenza la perdita di molti posti di lavoro: solo in Francia ne sono stati tagliati oltre 4.000.

Si stima che il numero di lavoratori espulsi dal lavoro che dovrebbero beneficiare delle misure Feg è di 297, distribuiti nella regione della Loira e del Midi-Pirenei. Si tratta in gran parte di uomini con un livello di istruzione medio alto, una percentuale significativa ha più di 50 anni.

Il sostegno del Feg, con oltre 3,7 milioni di euro, estende oltre gli obblighi di legge le misure personalizzate offerte da Airbus ai dipendenti interessati: la scelta è stata quella di concentrare l’intervento sul sostegno alla creazione di impresa, sia mediante la concessione di sovvenzioni che mediante percorsi formativi. Sono inoltre previste indennità ai lavoratori per la partecipazione alla formazione ed integrazioni salariali per incentivare l’accettazione di un nuovo impiego, anche se la retribuzione è inferiore a quella del lavoro precedente. 

La proposta di mobilitazione del Feg presentata dalla Commissione europea lo scorso 19 novembre (COM 2021 698 final) è ora al vaglio del Parlamento e del Consiglio europeo per l’adozione della relativa decisione di esecuzione.

Il Feg è uno strumento europeo disponibile anche in Italia. Supporta lavoratrici e lavoratori in esubero o autonomi che abbiano cessato l'attività in caso di eventi di ristrutturazioni significativi. Per accedere ai finanziamenti, la Regione/Provincia autonoma in cui si verificano gli esuberi comunica ad Anpal la volontà di presentare una richiesta di contributo finanziario del Feg. 
Il Feg cofinanzia l’85% dei costi complessivi dell’intervento oggetto di contributo. Le Regioni/Province autonome coprono la restante quota di cofinanziamento nazionale, con risorse proprie o private.

Per saperne di più sul Feg visita la pagina dedicata

Condividi

Notizie correlate per categoria

Europa — 05.09.22

SkillONews, online il nuovo numero

La newsletter dei punti di contatto nazionali Europass, Euroguidance e Eqf

Leggi di più →

Europa — 30.08.22

Fondo sociale europeo Plus: l'hub europeo per i progetti di ripresa e sviluppo

Il sito aggiorna operatori, progettisti, stakeholder e cittadini sulle novità del Fondo sociale europeo Plus, il principale strumento europeo di investimento nelle persone

Leggi di più →

Europa — 06.07.22

SkillONews, online il nuovo numero

La newsletter dei punti di contatto nazionali Europass, Euroguidance e Eqf

Leggi di più →

Europa — 16.05.22

Crisi AirFrance: dal Feg sostegno ai 1.580 che hanno perso il lavoro a causa della pandemia

Il fondo europeo può intervenire con servizi di consulenza, orientamento, assistenza alla ricerca di lavoro, formazione e incentivi alle assunzioni 

Leggi di più →

Europa — 10.05.22

SkillONews, online il nuovo numero

La newsletter dei punti di contatto nazionali Europass, Euroguidance e Eqf

Leggi di più →

Europa — 27.04.22

Euroguidance compie 30 anni

La rete per i professionisti dell’orientamento è operativa dal 1992 e comprende oggi più di 30 Paesi

Leggi di più →