FEG Doppio Testo

Feg

Il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione è uno strumento messo a disposizione dalla Commissione europea per supportare lavoratori in esubero o autonomi che abbiano cessato l'attività a causa della globalizzazione e della crisi finanziaria globale.

Il ruolo di Anpal

Anpal è responsabile della gestione e certificazione dei contributi Feg. Svolge un ruolo di indirizzo, coordinamento e cooperazione con le amministrazioni regionali e provinciali.

Feg

Quando può essere utilizzato

Il collocamento in esubero o la cessazione dell’attività di lavoratori autonomi di almeno 500 unità deve avvenire:
- in un’unica impresa e il suo indotto nell'arco di quattro mesi
- in imprese di uno stesso settore economico nell'arco di nove mesi, in una o due regioni contigue (anche più di due se i lavoratori dipendenti e lavoratori autonomi in due regioni sono oltre 500).

Come può essere attivato

La Regione o le Regioni in cui si verificano le condizioni di accesso al fondo richiedono ad Anpal di presentare alla Commissione europea la richiesta di contributo finanziario, entro 12 settimane dal verificarsi degli esuberi.

Attività FEG 1

Misure

Il Feg può finanziare fino al 60% dei costi per la realizzazione di misure personalizzate di politica attiva per il lavoro.

Formazione

e assistenza per la ricerca del lavoro, riqualificazione, certificazione delle competenze, orientamento, servizi di consulenza e tutoraggio.

Creazione d'impresa

promozione dell'imprenditorialità e assistenza al lavoro autonomo, creazione e rilevamento di imprese e attività di cooperazione.

Sostegno

attraverso misure come l’indennità di formazione e per la ricerca di un lavoro, voucher di conciliazione, indennità di mobilità territoriale, ecc. (nel limite del 35% dei costi).

La procedura

La procedura

La Regione, o le Regioni, chiedono ad Anpal di inviare alla Commissione europea
la domanda di contributo Feg.
Contatto: divisione4@anpal.gov.it

Step 1

Anpal inoltra la domanda alla Commissione europea entro 12 settimane dal verificarsi degli esuberi.

Step 2

Entro 2 settimane dalla ricezione della domanda la Commissione europea richiede eventuali informazioni integrative.

Step 3

Anpal ha sei settimane di tempo per fornire le informazioni integrative richieste.

Step 4

Entro 12 settimane dalla ricezione delle informazioni la Commissione europea valuta la domanda e, in caso di esito positivo, propone all'Autorità di bilancio Ue l'approvazione del finanziamento.

Step 5

Entro 1 mese l’Autorità di bilancio Ue adotta la decisione per la concessione del contributo finanziario, che viene interamente erogato in circa 15 giorni.

Step 6

Le misure approvate dalla Ce devono essere realizzate entro 24 mesi dalla data di presentazione della domanda o dalla loro data d'inizio, a condizione che tra quest'ultima data e la data della domanda non siano trascorsi più di 3 mesi.

Casi particolari

Casi particolari

1

Nel caso di mercati del lavoro di piccole dimensioni, le richieste possono essere presentate anche se alcune condizioni non sono interamente soddisfatte.

2

Una richiesta di contributo che coinvolga Pmi ubicate in un'unica regione può riguardare, a titolo eccezionale, Pmi operanti in settori economici diversi.

3

Possono beneficiare del Feg i Neet in numero non superiore a quello dei lavoratori in esubero coinvolti, a condizione che almeno una parte degli esuberi sia ubicata nelle regioni coinvolte nell’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile.

Video Feg

Guarda il video sull'intervento Feg Whirpool

Norme di riferimento - TITOLO

Norme di riferimento

accordion NORMATIVA

Programmazione 2014-2020
Regolamento (UE) n. 1309/2013

Regolamento (UE) n. 1309/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, sul Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (2014-2020) e che abroga il Regolamento (Ce) n. 1927/2006, (testo consolidato con le modifiche introdotte dal Regolamento (Ue, Euratom) 2018/1046 del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 luglio 2018 e dalla Rettifica pubblicata Gu L 330 del 3.12.2016, pag. 6).

Vai al documento →

Regolamento (CE) n. 1893/2006

Regolamento (CE) n. 1893/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 dicembre 2006, che definisce la classificazione statistica delle attività economiche Nace Revisione 2 e modifica il Regolamento (Cee) n. 3037/90 del Consiglio nonché alcuni regolamenti (Ce) relativi a settori statistici specifici.

Vai al documento →

Regolamento (Ue) n. 31/2011

Regolamento (Ue) n. 31/2011 della Commissione del 17 gennaio 2011 che modifica il Regolamento (Ce) n. 1059/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'istituzione di una classificazione comune delle unità territoriali per la statistica (Nuts).

Vai al documento →

Programmazione 2007-2013
Regolamento (CE) n. 1927/2006

Regolamento (CE) n. 1927/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 dicembre 2006, che istituisce un Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione.

Vai al documento →

Regolamento (CE) n. 546/2009

Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009 che modifica il Regolamento (Ce) n. 1927/2006 che istituisce un Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione.

Vai al documento →

Versione consolidata del Regolamento (Ce) n. 1927/2006

Versione consolidata del Regolamento (Ce) n. 1927/2006, come modificato dal Regolamento (CE) n. 546/2009.

Vai al documento →

Documenti Faq