Adr L’assegno di ricollocazione

L'assegno di ricollocazione

L’assegno di ricollocazione (Adr) è uno strumento che aiuta le persone a ricollocarsi nel mercato del lavoro. Consiste in un importo da utilizzare presso i soggetti che forniscono servizi di assistenza personalizzata per la ricerca di occupazione (centri per l’impiego o enti accreditati ai servizi per il lavoro).

Il ruolo di Anpal

Si tratta della prima misura di politica attiva del lavoro di livello nazionale coordinata da Anpal e gestita tramite la rete pubblico-privata dei servizi per il lavoro, in accordo con Regioni e Province autonome.

L'adr in sintesi

L'adr in sintesi


L'assegno di ricollocazione può essere speso presso un centro per l'impiego o un operatore accreditato.
I soggetti accreditati devono comunicare ad Anpal le informazioni sulle sedi operative presso cui è disponibile il servizio di assistenza.

Scelta della sede operativa

La persona beneficiaria dell'assegno sceglie l’ente da cui farsi aiutare, consultando l’albo nazionale dei soggetti accreditati.

Assistenza e tutoraggio

Un tutor sostiene la persona nelle attività utili alla sua ricollocazione e ne promuove il profilo professionale presso i potenziali datori di lavoro.

Successo occupazionale

L'ente aiuta la persona durante la preselezione e le prime fasi d’inserimento in azienda. Se la persona viene assunta, l'importo dell'adr viene riconosciuto all’ente.

Attività senza icone

Importo dell'adr

L'ente prescelto, se riesce a ricollocare al lavoro la persona beneficiaria dell'adr, riceve un importo calcolato in base al tipo di contratto.

Contratto a tempo indeterminato
incluso l’apprendistato


da € 1.000 a € 5.000.

Contratto a termine
di 6 mesi e oltre


da € 500 a € 2.500.

Contratto da 3 a 6 mesi
(3 mesi per Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia)


da € 250 a € 1.250.

Adr Call to action

AdRdc - reddito di cittadinanza

Chi percepisce il reddito di cittadinanza (Rdc) ed è chiamato a sottoscrivere un patto per il lavoro, riceve l’assegno di ricollocazione Rdc.

È previsto dal d. l. 28 gennaio 2019, n. 4. 
È erogabile fino al 31 dicembre 2021. 
Modalità operative e ammontare: delibera Anpal n. 23 del 13.12.2019

Scopri di più

Adr Cigs

Adr Cigs

è rilasciato ai lavoratori in Cassa integrazione straordinaria (Cigs) purché i loro profili e ambiti siano previsti dall’Accordo di ricollocazione sottoscritto dalla loro azienda e dalle organizzazioni sindacali.
Il lavoratore in Cigs ha tempo 30 giorni dalla firma dell’accordo di ricollocazione per prenotare l’Adr nell’area riservata MyANPAL.

Vai a MyANPAL

Adr Naspi e Adr Reddito di cittadinanza

Adr Naspi

Sospeso a seguito dell'istituzione del reddito di cittadinanza.
Gli Adr Naspi richiesti fino al 28 gennaio 2019 compreso, e in corso alla data di entrata in vigore del decreto legge 4/2019, possono essere proseguiti mantenendo inalterate regole, modalità operative e uso dei sistemi informativi.