Le politiche attive per i giovani

Le politiche attive per i giovani

I giovani che cercano un lavoro possono usufruire delle politiche attive del lavoro. Si tratta di iniziative che aiutano a trovare un’occupazione e che comprendono: orientamento di base e specialistico, percorsi di formazione, supporto nella ricerca del lavoro, tutoraggio per l’avvio di impresa, incentivi all’occupazione.

Contenuto garanzia giovane

Il programma Garanzia Giovani

Il più importante programma di contrasto alla disoccupazione giovanile in Italia è Garanzia Giovani, iniziativa promossa dall’Unione europea. Si rivolge ai Neet, ragazze e ragazzi tra i 15 e i 29 anni, residenti in Italia, che non lavorano e non sono inseriti in alcun percorso scolastico o formativo.
La Garanzia Giovani è attuata in Italia da Anpal e dalle Regioni, attraverso il Programma operativo nazionale Iniziativa occupazione giovani.

Vai alla pagina dedicata

Cta Scopri i progetti per il digitale di Anpal

Scopri i progetti per il digitale di Anpal

Contenuto Your First EURES Job

Your First EURES Job

Vuoi fare un’esperienza di lavoro in Europa?

Se hai tra i 18 e i 35 anni, sei cittadino e residente in uno dei 28 Stati dell'Ue, in Islanda o in Norvegia, e vuoi fare un’esperienza di lavoro, tirocinio o apprendistato in Europa, Your First Eures Job ti offre servizi personalizzati e benefit finanziari e supporta i datori di lavoro che ricercano figure professionali nel mercato europeo.

È un progetto finanziato dal Programma europeo per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI) e gestito dall'ufficio di coordinamento EURES Italia insieme a un partenariato europeo e nazionale.

Vai al portale dell’iniziativa

Cta Incentivi

Incentivi

Scopri se chi ti assume può beneficiare di un incentivo all’assunzione

Aggregatore Risorse

TItolo Come fare per diventare startupper di successo

Come fare per diventare startupper di successo

Come fare per diventare startupper di successo NEW


 Giovanni Aricò, docente dei corsi Yes I Start Up in Calabria, spiega le cinque caratteristiche del corso Yes I Start Up:

1. È totalmente finanziato
2. Ognuno viene seguito sul suo personale progetto
3. Nulla viene lasciato al caso
4. Si impara a fare il business plan della propia idea d'impresa
5. Ti fa capire quello che vuoi diventare veramente

Approfondisci

Maria Francesca Liparota, docente a Lamezia Terme in Calabria, illustra una delle chiavi del successo all'autoimpiego: scrivere il business plan. 
Gli step:

1. Chiediti cosa ti piace veramente
2. Studia il territorio in cui ti vuoi insediare
3. Individua il tuo cliente
4. Soddisfa un desiderio
5. Il prezzo più basso non è il prezzo migliore

Approfondisci

Monica Scola, docente dei corsi gratuiti Yes I Start Up in Calabria, condivide 4 consigli da seguire per coltivare delle buone doti di autoimprenditorialità:

1. Non improvvisare: preparati
2. Le tue competenze devono rispecchiare la tua idea
 3. Cominica con il tuo team
4. Sii ottimista

Approfondisci

Stefano Battaggia, docente Yes I Start Up in Veneto, indica i sette criteri generali per localizzare la tua impresa:

1. Prossimità alla clientela: quanto è lontana la tua attività?
2. Caratteristiche del territorio
3. Ambiente concorrenziale: chi sono i tuoi competitor nell’area?
4. Economicità: quanto costa la tua scelta?
5. Fruibilità di servizi
6. Ottimizzazione della scelta: prenditi il tuo tempo per valutare pro e contro
7. Case history: considera le caratteristiche della tua attività

Approfondisci

Pia Meringolo, docente in Calabria, ci consiglia tre letture adatte a chi vuole avviare una startup, ma anche a chi ha già aperto la propria impresa.
Ecco i libri da sfogliare:

1. Restartup. Le scelte imprenditoriali non più rimandabili di Panato Andrea A., Hoepli, 2019
2. Neuromarketing, comunicazione e comportamento di consumo, Russo Vincenzo, Franco Angeli, 2015
3. Manuale di contabilità aziendale, Montinari Paolo, Fag, 2019

Approfondisci

Stefano Battaggia, docente Yis in Veneto, traccia nove elementi da tenere presenti nel business model canvas (BMC), il modello di riferimento per creare un buon business plan.

1. Segmenti di clientela (customer segments)
2. Proposte di valore (value proposition)
3. Canali (channels)
4. Relazioni con i clienti (customer relationship)
5. Flussi di ricavi (revenue streams)
6. Risorse chiave (key resources)
7. Attività chiave (key activities)
8. Partner chiave (key partners)
9. Struttura dei costi (cost structure)

Approfondisci

Pia Meringolo, docente in Calabria, consiglia tre libri utili a sviluppare gli skills necessari a qualsiasi aspirante imprenditore.
Ecco le 3 letture:

1. Start up. La guida completa per chi vuole mettersi in proprio e creare da zero un'impresa di successo, Antonio Foglio, Franco Angeli, 2015
2. Business plan. Guida per imprese sane, start up e aziende in crisi, Luigi Brusa, 2016
3. Start up e Pmi, Dario Scarpa, Giuffrè, 2017

Approfondisci

cta Scopri i segreti

Scopri i segreti per mettere in piedi la tua idea imprenditoriale con Yes I Start Up

Aggregatore Risorse