Aggregatore Risorse

Dati e pubblicazioni — 21.09.22

Competenze degli adulti: parte la seconda indagine Piaac

Intervistato un campione di circa 16mila persone distribuite in tutta Italia. I primi risultati nel 2024.

Riparte l’indagine Piaac in Italia: dal 12 settembre, un campione di circa 16.000 persone tra i 16 e i 65 anni, distribuite su tutto il territorio nazionale, sarà coinvolto nell’indagine. Piaac punta a monitorare e analizzare il livello e la distribuzione delle competenze tra la popolazione adulta, e ad analizzare quanto tali competenze siano usate in contesti lavorativi e di vita quotidiana.

L’indagine, che si concluderà nel 2023, rientra nel programma Piaac, programma per la valutazione internazionale delle competenze degli adulti: si tratta di un'iniziativa dell'Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) con il supporto dalla Commissione europea.

I dati del primo ciclo di Piaac erano stati rilasciati nel 2013: nel gennaio 2018 Piaac è entrato nel suo secondo ciclo, cui aderiscono al momento oltre trenta Paesi al mondo, tra cui l’Italia.

Attraverso un questionario ed una serie di test, Piaac raccoglie informazioni sui percorsi di vita, di studio, di formazione e di lavoro, sull’ambiente sociale, sulle competenze di alfabetizzazione (literacy), di alfabetizzazione matematico-scientifica (numeracy) e di problem solving.

Questo secondo ciclo di Piaac mira a tre grandi obiettivi:

  1. dipingere il quadro delle competenze necessarie per il funzionamento efficace nel mercato del lavoro e nella società in generale
  2. comprendere quali fattori individuali, istituzionali e sociali possono influenzare lo sviluppo, il mantenimento e la perdita delle competenze nel corso della vita
  3. fornire ai responsabili politici uno strumento per migliorare lo sviluppo, il mantenimento e l'impiego produttivo delle competenze.

In Italia questo secondo ciclo di indagine è realizzato da Anpal e da Inapp (Istituto nazionale per l'analisi delle politiche pubbliche), con il supporto dell’Istat per le attività di campionamento.

L’attività è inserita nel Programma operativo nazionale Sistemi di politiche attive per l'occupazione (Pon Spao) cofinanziato dal Fondo sociale europeo 2014-2020, ed è compresa tra le attività dell’attuale Programma statistico nazionale.

Per il 2024 è prevista la pubblicazione del rapporto internazionale da parte dell’Ocse, cui faranno seguito i rapporti nazionali dei Paesi partecipanti.
Al di là dei rapporti internazionale e nazionali, i dati raccolti da Piaac – come nel decennio passato – forniranno ai decisori politici ed alla comunità scientifica indicazioni oggettive e solide per la progettazione e l’orientamento delle politiche e degli interventi nell’istruzione, nella formazione e nel mercato del lavoro.

Cerchi ulteriori informazioni?

Chiama il numero verde dedicato 800.19.93.20
Visita le pagine Inapp dedicate all’indagine
Scrivi a piaac@inapp.org
Approfondisci su Ocse

Condividi

Notizie correlate per categoria

Dati e pubblicazioni — 23.09.22

Anche nel bimestre luglio-agosto è positivo il saldo tra assunzioni e cessazioni: +33 mila

Pubblicata la nota congiunta di settembre “Il mercato del lavoro: dati e analisi” a cura del Ministero del lavoro, Banca d’Italia e Anpal

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 20.09.22

Online la Nota trimestrale sulle tendenze dell'occupazione II trimestre 2022

Prosegue l'aumento dell'input di lavoro in termini congiunturali e su base annua. Crescono anche il PIL e l'occupazione. 

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 15.09.22

Online la newsletter n. 3 di Gol

Nuova uscita del periodico di informazione 

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 15.09.22

Politiche attive per il lavoro e Pnrr

Disponibile il monitoraggio del programma Gol a cura di Anpal

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 08.09.22

Bollettino Excelsior. Lavoro: 524mila assunzioni previste dalle imprese a settembre

In flessione il prossimo trimestre per commercio, moda e metallurgia. Continua a crescere la difficoltà di reperimento segnalata dalle imprese

Leggi di più →