Aggregatore Risorse

Dati e pubblicazioni — 20.09.22

Online la Nota trimestrale sulle tendenze dell'occupazione II trimestre 2022

Prosegue l'aumento dell'input di lavoro in termini congiunturali e su base annua. Crescono anche il PIL e l'occupazione. 


Nel secondo trimestre 2022 l’input di lavoro è aumentato in termini congiunturali (+1,2% rispetto al primo trimestre 2022) e su base annua (+4,9% rispetto al secondo trimestre 2021); la stessa dinamica si rileva per il Pil, in crescita rispettivamente di +1,1% e +4,7%. L’occupazione, a sua volta, aumenta rispetto sia al trimestre precedente sia al secondo trimestre 2021. 
È quanto si legge nella nota trimestrale sulle tendenze dell’occupazione relativa al II trimestre 2022, realizzata da Ministero del lavoro, Anpal, Istat, Inps e Inail

Su base congiunturale, la crescita dei dipendenti si osserva sia in termini di occupati (+1,0%, Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro) che di posizioni lavorative del settore privato extra-agricolo (+1,2%). Queste aumentano nell’industria in senso stretto (+0,5%), nei servizi (+1,4%) e nelle costruzioni (+2,3%).
L'occupazione dipendente è in aumento anche su base tendenziale, in termini di occupati 
(+3,6% in un anno) e di posizioni lavorative nell’industria e servizi (+5,9%). Le posizioni lavorative aumentano nei dati delle comunicazioni obbligatorie (Co) in tutti i settori di attività economica, con l’unica eccezione di quello agricolo. 

Prosegue la crescita delle posizioni lavorative a tempo indeterminato (+310.000 rispetto al secondo trimestre 2021). Ancora più marcata la dinamica positiva delle posizioni a tempo determinato, tanto nei dati delle CO (+425 mila posizioni), quanto in quelli di Inps-Uniemens riferiti alle sole imprese private (+395 mila posizioni), che comprendono il lavoro in somministrazione e a chiamata.

Il numero dei lavoratori in somministrazione presenta un’ulteriore forte crescita raggiungendo le 485 mila unità (+50 mila, ossia un aumento dell'11,5% rispetto al secondo trimestre 2021). Anche il numero dei lavoratori a chiamata o intermittenti continua a crescere in modo sostenuto (+91 mila, ossia un aumento del 48,2% rispetto al corrispondente trimestre del 2021), sebbene a ritmi meno intensi dello scorso trimestre, attestandosi a 280 mila unità.

Leggi la Nota sul II trimestre 2022.
Vai alle serie storiche comunicazioni obbligatorie.
Vai alle serie posizioni storiche lavorative Oros.
Vai alle serie storiche Inps-Uniemens.

Condividi

Notizie correlate per categoria

Dati e pubblicazioni — 23.09.22

Anche nel bimestre luglio-agosto è positivo il saldo tra assunzioni e cessazioni: +33 mila

Pubblicata la nota congiunta di settembre “Il mercato del lavoro: dati e analisi” a cura del Ministero del lavoro, Banca d’Italia e Anpal

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 21.09.22

Competenze degli adulti: parte la seconda indagine Piaac

Intervistato un campione di circa 16mila persone distribuite in tutta Italia. I primi risultati nel 2024.

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 15.09.22

Online la newsletter n. 3 di Gol

Nuova uscita del periodico di informazione 

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 15.09.22

Politiche attive per il lavoro e Pnrr

Disponibile il monitoraggio del programma Gol a cura di Anpal

Leggi di più →

Dati e pubblicazioni — 08.09.22

Bollettino Excelsior. Lavoro: 524mila assunzioni previste dalle imprese a settembre

In flessione il prossimo trimestre per commercio, moda e metallurgia. Continua a crescere la difficoltà di reperimento segnalata dalle imprese

Leggi di più →